Il costante peggioramento della Roma-Lido



Il giorno in cui la Metro C sperimenta la sua prima evacuazione e sulla Metro A scoppia l'inferno, dobbiamo registrare il peggioramento del servizio della Roma-Lido. Lo avevamo pronosticato, ora sta diventando realtà


Il giorno in cui la Metro C sperimenta la sua prima evacuazione e sulla Metro A scoppia l'inferno, dobbiamo comunque registrare il costante peggioramento del servizio della Roma-Lido. Lo avevamo pronosticato a fine agosto ed i fatti, purtroppo, ci stanno dando ragione.

Vediamo cosa sta succedendo

Comitato pendolari Roma-Lido


Ancora questa mattina soppressioni e rimodulazioni. Viaggi da carro bestiame. Ringraziamo nell'ordine Regione che ancora non riesce a investire in infrastrutture: treni nuovi, sistemazione ascensore di Castel Fusano etc etc ATAC che disattende costantemente la Carta dei Servizi fornendo un servizio pessimo e costringendo gli utenti a viaggiare come bestie e il Comune di Roma che non assolve al suo ruolo di Controllore di una sua municipalizzata, lasciando Atac fare il bello e il cattivo tempo! 

Grazie a VOI

Le testimonianze degli utenti


Stazione di Vitinia, 23 ottobre 2018, dalle ore 08.05 alle ore 08.45, sono passati solamente tre treni assolutamente stracarichi all'inverosimile, è indegno di un paese civile far viaggiare i cittadini in questo modo, e nemmeno tutti, perché tanti di noi sono fermi da 40 minuti sulle banchine impossibilitati a raggiungere il posto di lavoro.

Oltre il danno anche la beffa: in direzione Ostia i treni passano con regolarità teutonica ogni 10 minuti praticamente vuoti, purtroppo la sfortunata maggioranza lavora a Roma e non è messa in condizione di viaggiare civilmente e rispettare gli orari di lavoro, con tutte le ricadute del caso.




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News


Commenti

Unknown ha detto…
Ormai i treni di mattina passano ogni 15 minuti, carri bestiame dove è quasi impossibile salire. Bastaaaaa!!!!! Non ce lo regalano il disservizio, lo paghiamo lo stesso