Bus per disabili, il mea culpa del Comune




La storia delle linee bus Atac che dovrebbero essere “totalmente” esercite con vetture dotate di pedana per i portatori di handicap ( e che in realtà non lo erano) raccontata dall'autore dell'inchiesta, che ha avuto il piacere di scontrarsi con il Ministero della Verità 



Di Fernando M. Magliaro

Cinque giorni fa - sollevando le reprimende dell’Ufficio Rettifiche del Campidoglio - avevamo lanciato l’allarme: le linee bus Atac che, stando alle parole del sindaco di Roma, Virginia Raggi, dovrebbero essere “totalmente” esercite con vetture dotate di pedana per i portatori di handicap, in realtà non lo erano. In un mese - scrivevamo - per almeno 120 volte dai depositi sono uscite vetture senza pedana. 


E ieri Andrea Venuto, il delegato del Sindaco per i problemi della disabilità, è giunta, in via indiretta, la conferma che non ci eravamo sbagliati. 

Dall’uscita dell’articolo, gli utenti della rete hanno monitorato, usando il sito istituzionale di Atac, le 14 linee “totalmente accessibili ai disabili” (20, 44, 46, 60, 80, 81, 85, 170, 490, 558, 664, 671, 990 e H) scoprendo che, in special modo nelle ore di punta, la percentuale di autobus privi di dispositivi per disabili era di gran lunga superiore allo 0,68% dichiarato dall’Azienda. 

Il 12 settembre viene rilevato (@MercurioPsi) che una vettura della linea H (sulle 8 che fanno servizio) è senza pedana e circola dall’intera giornata, percentuale del 12,5%, sul 170 la percentuale è dell’11% e sull’81 del 25%. E così, le segnalazioni si sono susseguite giorno dopo giorno. 


Fino a che, dopo una prima difesa d’ufficio poco efficace, con molto pragmatismo il delegato del Sindaco per i disabili, Andrea Venuto, dopo aver ringraziato “per le segnalazioni” annuncia: “Disposto controllo presso Centrale Operativa dei bus presenti in esercizio sulle linee, con indicazione di immediata sostituzione per i mezzi senza pedana. 

Da lunedì, disposti controlli della sorveglianza sia in partenze di servizio che durante il giorno, per procedere disciplinarmente verso chi non si attiene alle disposizioni formali sull’argomento”.

La speranza è che Atac dirotti le necessarie vetture con pedana sulle linee garantite e non che, per evitare sanzioni, si finisca per far saltare le corse. 


Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News


Commenti