NYT parla di Flambus e non solo...


La corrispondente nella capitale del quotidiano americano ha elencato i cronici problemi dell’Atac e la difficoltà di spostarsi a causa di “mezzi troppo vecchi e quasi certamente con poca manutenzione”



[ Radio Colonna ] L’autobus andato a fuoco martedi’ nel centro di Roma ha conquistato attenzione – e spazio – anche sul New York Times. A scriverne, in un articolo intitolato ‘Roma brucia (o almeno lo fanno i suoi autobus)’, e’ la corrispondente nella capitale del quotidiano americano che ha elencato i cronici problemi dell’Atac e la difficolta’ di spostarsi a causa di “mezzi troppo vecchi e quasi certamente senza manutenzione”.

A questo si aggiungono la tradizione dei passeggeri di non pagare il biglietto e “saltare giu’ quando i rari controllori salgono a bordo”, gli autisti e la loro capacita’ multitasking con il cellulare, e il livello di assenze tra i dipendenti dell’azienda pubblica “che e’ ben oltre la media nazionale”. “Gli autobus sono spesso strapieni, l’aria condizionata funzionante in estate è rara – racconta la giornalista – le donne incinte spesso devono stare in piedi”. Per non parlare delle buche continue nelle strade, i palpeggiatori e i borseggiatori.


Sul Nytimes, si ricordano gli sforzi della sindaca Virginia Raggi per “evitare la bancarotta dell’Atac, una mossa che e’ stata a lungo bloccata e che ne ha impedito la vendita agli investitori privati. Il debito della società supera un miliardo di euro”.

“Alla fine della giornata – conclude la giornalista – ho considerato le mie opzioni: avevo già rinunciato alla bici a causa delle buche e della mancanza di piste ciclabili che rendono il tuo viaggio un pericoloso zigzag nel traffico. L’autobus 63 stava viaggiando su una strada deviata verso il mio appartamento e potevo ancora prendere il prossimo se mi fossi precipitata. Invece, ho deciso di giocare sul sicuro, ho aperto una app per un servizio di car-sharing e ho prenotato un’auto”.

Commenti