Header Ads

Come si distinguono gli autobus Atac e RomaTpl



Quando si parla di Trasporto pubblico, si parla (e si maledice) Atac, ma come ben sappiamo a Roma c'è anche un'azienda di trasporto pubblico privato, la Roma Tpl. Venerdì scorso c'è stato lo sciopero di quest'ultima che ha creato qualche problema di comprensione





[Radiocolonna] Pochi bus, fermate stracolme di persone e mezzi carichi come carri bestiame. È la fotografia dell’ennesimo venerdì romano ostaggio di un’agitazione sindacale sul trasporto pubblico. Sono state decine le segnalazioni di utenti che, tra il perplesso, l’inferocito e il rassegnato, hanno fatto presente le difficoltà di sopravvivere durante uno sciopero dei trasporti alla romana. Anche quando non riguarda tutte le linee come nel caso di quello di ieri (venerdi).

Tutti i modelli di autobus presenti a Roma su #AutobusDiRoma

Alcuni viaggiatori hanno denunciato l’impatto devastante dello sciopero della quotidianità di una famiglia, come nel caso di ragazzi che addirittura non riescono ad andare a scuola:



Oppure come utenti che si sono visti costretti ad affidarsi ai taxi, con costi esponenzialmente più alti:




Lo sciopero di Roma Tpl va a penalizzare le aree periferiche della città, quelle zone già carenti sul fronte infrastrutturale e della mobilità pubblica che vengono letteralmente messe i ginocchio da eventi di questo genere.

Ma, nella carrellata dell’indignazione espressa tramite social, è stato toccato anche un tasto molto interessante: un utente come può riconoscere un bus Atac da un bus di Roma Tpl?



Nel caos quotidiano non tutti hanno il tempo per essere informati sulla mobilità e non tutti sono in grado di orientarsi nel mondo delle app e dei social.

Come spiegato dal blogger AttaccheteAlBus, “un mezzo di Roma Tpl ha il logo allegato davanti e dietro il mezzo sebbene sulla fiancata ci sia scritto ‘Atac’ “.

Tuttavia, come si può notare da queste foto, il logo è piccolo e notarlo non può essere scontato. Caos che si aggiunge al caos di un consueto venerdì di sciopero.





Nessun commento:

Powered by Blogger.