Usb: 12 gennaio sciopero Tpl contro concordato Atac, i motivi


Usb: 12 gennaio sciopero Tpl contro concordato Atac, secondo il Sindacato l'unica soluzione sarebbe la creazione di un'unica azienda di Trasporto Pubblico Regionale. Andiamo a vedere i motivi


(askanews) – “Il 12 gennaio 2018 scioperiamo in assoluto dissenso nei confronti del Concordato e a conferma della tesi che con l’accordo sottoscritto da Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Faisa Cisal il 27 novembre 2017, si affossa ineluttabilmente e definitivamente l’Atac in una crisi complessiva e irreversibile, a danno della vita lavorativa dei dipendenti”. Lo annuncia l’Usb in una nota.

Non solo RomaTpl, venerdì anche sciopero Atac: Le informazioni

“La messa all’asta degli immobili di proprietà al miglior offerente, senza nemmeno modificarne la destinazione d’uso, non contribuirà al risanamento del debito e sarà una goccia nel mare – continua la nota – mentre l’inserimento delle 39 ore aumenterà lo stress psicofisico del personale operativo, aggravandone le già precarie condizioni lavorative e non servirà né al risanamento economico societario, né migliorerà l’efficienza del servizio”.

Per approfondire: Chi sciopera di più Atac o RomaTpl?

“Le scelte fatte dal Campidoglio sul Trasporto Pubblico Locale di Roma continuano a ricadere sui lavoratori, gli unici incolpevoli delle incapacità gestionali di Atac e della Roma Tpl scarl, dove ci si avvia a delle gare che daranno in mano il servizio a più vettori senza dare certezze ai lavoratori che ancora oggi, ogni fine mese, devono elemosinare i propri stipendi”, aggiungono da Usb.

Commenti