Lo Stadio della Roma? Un “furto con destrezza”



Lo Stadio della Roma? Un “furto con destrezza” a danno dei cittadini - Il Codacons non prende bene il progetto dello stadio appena approvato dopo la conclusione della Conferenza dei Servizi - Forti dubbi anche per la nostra derelitta Roma-Lido



Un “furto con destrezza” a danno dei cittadini. Così il Codacons giudica il progetto sullo Stadio della Roma, dopo che la Regione Lazio ha presentato la Determinazione di conclusione della Conferenza dei Servizi, la quale prevede la realizzazione del Ponte di Traiano con costi interamente a carico dello Stato.

Parliamone insieme sul Forum di Odissea Quotidiana


In sostanza la collettività si farà carico di un’opera, il Ponte di Traiano appunto, ad uso e consumo delle società sportive, e che avrebbe dovuto essere da queste finanziato, trattandosi di una infrastruttura legata in modo stretto allo Stadio – spiega il Codacons – Soldi pubblici che verranno sottratti ai cittadini, realizzando così un regalo agli investitori stranieri che risparmieranno 100 milioni di euro.

Per approfondire: La Stazione di Tor di Valle

Ma per l’associazione il rischio concreto è che il conto per la collettività legato alla realizzazione dello Stadio della Roma salirà ancora e di molto: secondo la Regione Lazio, infatti, la Roma-Lido non sarà in grado di far fronte al numero di spettatori diretti allo stadio, e sarò necessario potenziare il traposto pubblico con nuovi binari e nuovi treni che, ancora una volta, saranno pagati da tutti i cittadini, anche coloro che allo stadio non andranno mai – conclude il Codacons

Comunicato su Condacons.it

Commenti