Header Ads

Quanto sono lunghi 20 cm.


25 Gennaio 2018, ore 22.00

Di Attaccati al busCi fermiamo un attimo stasera, un minutino scarso...il tempo di fare una breve riflessione sulla lunghezza di venti centimetri. Parliamo dei venti centimetri che diventano un chilometro e che a cento chilometri orari si trasformano su un palo un disastro di due carrozze ferroviarie. 

E mentre il frastuono di giornalisti, giudici, periti, poliziotti è ancora lì fuori e il circo equestre di numeri di morti e feriti continua a dare spettacolo noi riduciamo la velocità di pendolari che siamo per un momento e fermiamo il nostro treno davanti a un segnale di via impedita.

Non è il primo disastro che accade, non sarà di certo l'ultimo. Ma noi, o meglio, io di "Attacchete",  stranamente, eccezionalmente, mi sono sentito vicino a queste persone più di quanto sia accaduto in passato. 

Degli sconosciuti che ogni giorno prendono, come me, un treno stracarico di sconosciuti che blocca l'entrata di sconosciuti nel treno, occupa due posti, fuma dando fastidio al vicino, sta seduto indifferente mentre un anziano o una donna incinta è di fronte a lui in piedi... 

Non conosco nessuno di loro, ma oggi è come se li conoscessi uno per uno, con i loro libri, i loro telefonini, i loro pensieri e le loro ansie. 

Non so perchè proprio questo disastro mi colpisca così forte...forse la vecchiaia che mi rende più sensibile e meno social-trone...o magari l'improvvisa e inspiegabile paura di non riuscire a ritornare la sera a casa e poter riabbracciare i miei cari.

Oggi me sento Pioltello...forse penserete che sia falso, esibizionista, moralista, che voglia approfittarne della notizia per raccogliere click (ah già...il blog non ha pubblicità). In questo preciso istante siate liberi di pensare cosa volete, nel bene o nel male.

Io non posso fare a meno di pensare che
oggi 3 di noi non ci sono più.
In questo momento altri ancora
lottano tra la vita e la morte
per un solo motivo
essere pendolari.

A loro va il mio pensiero di stasera, a voi il mio arrivederci a domattina.

Nessun commento:

Powered by Blogger.