Il 46 preso a sassate!


Una passeggera di un bus – il 46 barrato – è rimasta ferita agli occhi dopo che il mezzo è stato colpito da oggetti – presumibilmente sassi – in via Pasquale II, a Primavalle - Un altro segnale che qualcosa proprio non va. Un breve resoconto degli ultimi atti vandalici da Radio Colonna







Da Radio Colonna

Una passeggera di un bus – il 46 barrato – è rimasta ferita agli occhi dopo che il mezzo è stato colpito da oggetti – presumibilmente sassi – in via Pasquale II, a Primavalle. A renderlo noto, via Facebook, la sindacalista leader di Cambia-Menti M410 Micaela Quintavalle.

“Stavolta non sono nomadi ma un gruppo di ragazzi che spesso attaccano per divertimento i bus dei privati. Questo è accaduto ieri alle 19.30 sul 46 barrato a via pasquale II – scrive Quintavalle, che pubblica le fotografie del veicolo – Ferita agli occhi una passeggera. La violenza contro gli autoferrotranvieri è una responsabilità collettiva”.

Un nuovo episodio, questo, che si aggiungono alla nutrita lista delle sassaiole ai danni dei mezzi pubblici capitolini. L’ultimo episodio è stato lo scorso 21 novembre, sempre a a Primavalle dove un autobus della linea 907 è stato colpito da alcuni sassi che hanno provocato la rottura di un vetro interreompendo il servizio di corsa.

Ancora, il 9 ottobre, sul 981. Stessa storia un mese prima, quando furono due i bus danneggiati. E l’11 agosto, sempre nella stessa rimessa dell’XI municipio.

Senza dimenticare un altro mezzo danneggiato, tra mercoledì e giovedì scorsi. Ma non coi sassi, bensì con un martello: il bus 46, in transito in piazza Alfonso Capecelatro, tra Torrevecchia e Primavalle, nel XIV municipio, si era fermato improvvisamente dopo un boato e un rumore di vetri infranti. 

Ma sul bus non c’erano sassi, appunto, ma un martello. Anche in questo caso, fortunatamente, nessun ferito, ma tanto spavento per il conducente. Sul posto si era recata la polizia di Stato del commissariato di Primavalle.

In un altro quadrante della città, nel X municipio, nel week-end dell’11 e del 12 novembre sono stati distrutti i tornelli delle stazioni della Roma-Lido di Tor di Valle prima e di Ostia Antica poi.


Commenti

Anonimo ha detto…
Finchè ci sarà pervissivismo e tolleranza nella gestione dell'ordine pubblico sarà sempre così. Abbiamo il triplo delle forze dell'ordine rispetto ad altre nazioni in rapporto al numero degli abitanti e non si vedono mai. Quando anche acchiappano i responsabili, le pene sono blande, della serie "poro fijio, poro Cristo, è un ragazzo...", quindi che vogliamo pretendere? Vallo a fare in paesi come la Germania una cosa simile, poi vedi cosa ti succede.