Sciopero Martedì 12 settembre: Atac e RomaTpl

Martedì 12 settembre 2017 sarà una giornata da evidenziare con il colore rosso su tutti i calendari, c'è lo Sciopero! Ad astenersi dal lavoro per 4 ore sia i lavoratori Atac che quelli di RomaTpl - Ecco tutte le informazioni e le motivazioni - Update: le sigle sindacali che incroceranno le braccia si riducono






Aggiornamento: Dopo l'incontro di ieri con l'assessora alla Mobilità Linda Meleo e il delegato al Personale della sindaca Antonio De Santis in merito al sul concordato preventivo, Sul, Utl e Fast hanno revocato l'agitazione di quattro ore - Per martedì resta in piedi lo sciopero indetto da Orsa Tpl e Faisa Confail.

Martedì 12 settembre 2017 sarà una giornata da evidenziare con il colore rosso su tutti i calendari.

È stato proclamato per quel giorno, infatti, il primo di una raffica di scioperi previsti ed indetti da Atac, l’azienda del trasporto pubblico romano.

Un’agitazione voluta dai sindacati per protestare contro la metta in atto del concordato preventivo, annunciato dal sindaco di Roma Virginia Raggi, al fine di evitare lo spettro del fallimento aziendale che aleggia come un fantasma sulla Capitale.

Informazioni in tempo reale sul nostro Canale Telegram Roma Trasporti News

Ecco le informazioni sullo sciopero Atac del 12 settembre 2017, al quale sono interessate anche le linee di Roma Tpl.

Sulla rete Atac è in programma uno sciopero di 4 ore, a partire dalle ore 8,30 fino alle ore 12,30, indetto dai sindacati Orsa TPL, Faisa Confail, Sul Ct, Utl, Fast Confsal e Cambia-menti M410.
In questa fascia oraria non sarà garantito il servizio di bus, filobus, tram, metropolitane e delle ferrovie regionali Roma-Lido, Termini-Centocelle e Roma-Civitacastellana-Viterbo.



Stesso discorso vale per la società RomaTpl, il cui sciopero, anch’esso di 4 ore nella fascia oraria 8,30-12,30, è stato indetto dai sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uil-trasporti, Faisa Cisal e Sul Ct.

Le motivazioni dello sciopero ATAC del 12 settembre 2017

Come già accennato, le motivazioni sono riconducibili ad una presa di posizione delle diverse sigle sindacali contro il concordato preventivo voluto dal sindaco Raggi. Concordato che, come spiegato in un comunicato dai sindacati in agitazione, “metterebbe a serio rischio livelli occupazionali, diritti salariali e normativi dei lavoratori”.

Commenti