Le (non) corsie preferenziali del centro

Sicuramente vi sarà capitato di salire su un bus che percorre l'asse di Corso Vittorio Emanuele II e di Via Nazionale/Via IV Novembre. E sicuramente avrete notato tutti i taxi, gli NCC, le auto private ed i furgoni per il carico/scarico che sostano quotidianamente sulla corsia riservata ai mezzi pubblici...





Passando per Via Nazionale/Via IV Novembre o Corso Vittorio Emanuele II certamente avrete notato taxi, NCC, auto private e furgoni per le consegne, parcheggiati sul marciapiede o sulla corsia preferenziale

Senza poi considerare tutti quei mezzi non autorizzati che viaggiano sulla corsia preferenziale per andare più veloci quando c'è traffico.




Gli autobus sono così costretti a fare lo slalom per evitare di urtare contro le auto in sosta vietata. Però questa indispensabile manovra è molto pericolosa perchè invadendo la corsia di marcia si potrebbero causare incidenti con auto o scooter.




Vi sono varie soluzioni a queste criticità:
  1. Irrigidimento dei controlli da parte della Polizia Roma Capitale; soluzione a costo zero che potrebbe disincentivare l'abitudine di parcheggiare sulla corsia preferenziale e sul marciapiede (soluzione estendibile a tutta la città).
  2. Installazione di cordoli in plastica o in travertino per impedire il passaggio dalla corsia di marcia a quella riservata.
  3. Installazione di cordoli e telecamere per multare i mezzi non autorizzati che transitano sulla corsia preferenziale e per impedire il passaggio dalla corsia di marcia a quella riservata (soluzione ad alto costo ma con maggiori benefici).
Modifiche che, come la soluzione numero 1, potrebbero essere operative già da domani, e che velocizzerebbero il transito dei bus su questi due importanti assi viari. Sperando nella costruzione della TVA, la tranvia Termini-Vaticano-Aurelio...

Autore: @TplRoma, per Odissea QuotidianaStudente, appassionato di trasporti e utente della #linea90.

Commenti