Sblocca cantieri: tutte le opere ferme a Roma

Sblocca cantieri: tutte le opere ferme a Roma


Strade interrotte, linee metro ferme, ponti pericolanti e ferrovie mai terminate. Sono solo alcune delle opere mai nate o mai terminate a Roma e nel Lazio. Un tema tornato alla ribalta con il dibattito sul TAV e con l’impellente necessità dell’Italia di investire in infrastrutture anche per far fronte alla recessione economica. 



Si chiama Sblocca Cantieri l’iniziativa dell’Ance, l’Associazione nazionale costruttori edili, nata circa un anno fa con la creazione di un sito per segnalare le opere ferme, bloccate o rallentate in tutta Italia. 

“Uno strumento – dice l’associazione – a disposizione dei cittadini in modo da poter denunciare il degrado delle infrastrutture e delle città nel Paese”. 

E Sblocca Cantieri è anche il nome del decreto che il Governo ha annunciato per far ripartire le opere pubbliche nel Paese. In attesa di vedere come sarà il provvedimento e quali cantieri coinvolgerà, siamo andati a vedere le piccole e grandi incompiute di Roma e regione, raccolte grazie alle segnalazioni dei cittadini che si sono serviti anche del monitoraggio di Legambiente. 

Prolungamento metro A, B, B1 e C di Roma e conversione in metropolitane delle linee Roma-Lido e Roma-Viterbo (tratta urbana) e della Roma-Giardinetti in tram.

Per la linea A l’intervento ad ovest, verso Torrevecchia e Boccea, riguarda la realizzazione di un tratto di linea, per uno sviluppo di circa 2 km, con 2 stazioni. 

I finanziamenti sono a rilento e regna l’incertezza sull’avvio dei lavori e sui tempi di realizzazione per il prolungamento della B1 verso Bufalotta. Stesso discorso per il prolungamento della metro B da Rebibbia a Casal Monastero, un collegamento di soli 2,8 km che ad oggi resta soltanto sulla carta. 

Per quanto riguarda la Roma-Lido, la proposta è stata già ampiamente studiata, essendo stata inserita in ben 2 PRG, eppure sono ormai 15 anni che questo progetto è al palo. Si tratterebbe inizialmente di potenziare l’offerta della linea, che poi, in una successiva fase, si aggancerebbe alla attuale metro B per infine inglobare la tratta B1

Per la linea Roma-Giardinetti si propone il prolungamento fino a Roma Termini (solo 500 metri di binari), ed un costo previsto di 4,8 milioni di euro mentre in una seconda fase si dovrebbe prolungare la linea verso l’Università di Tor Vergata ed il Policlinico.

Ci sono tante altre opere, tra cui il Ponte della Scafa e il Ponte Giulio Rocco, di cui abbiamo parlato e molte altre che trovate nell'articolo completo su Terzobinario



Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News







Commenti