Roma: aggressione autobus notturno N2

Roma: aggressione autobus notturno N2


Paura sul bus: aggredisce autista, lo prende per il collo e si mette alla guida, l'aggressore, di 21 anni, pretendeva dal conducente del bus N2 di farsi portare a casa dal padre in zona Policlinico



Un ragazzo di 21 anni, oggi 9 gennaio, ha aggredito l'autista Atac per poi mettersi al posto del conducente prima dell'arrivo dei Carabinieri che, una volta bloccato, lo hanno arrestato con le accuse di "violenza a incaricato di pubblico servizio, violenza privata, tentata rapina e interruzione di pubblico servizio".

I fatti sono successi questa mattina, intorno alle 5. Il 21enne romano era salito a Rebibbia in evidente stato di alterazione, probabilmente per avere assunto stupefacenti. Dopo aver infastidito alcuni passeggeri, ha quindi aggredito l'autista.

L'obiettivo del giovane era chiaro: pretendeva dal conducente una deviazione, forzata, per farsi portare sotto casa del padre in zona Policlinico.

Il conducente ha cercato di far tornare il 21enne alla ragione. I tentativi, però, sono stati vani e così ha allertato il Numero Unico per le Emergenze, riuscendo ad arrivare in via di Valco San Paolo, all'altezza dell'incrocio con viale Marconi.

Qui, dopo aver scavalcato le barriere di protezione, il 21enne ha aggredito l'autista del bus N2 e lo ha preso al collo. Il conducente, riuscito a liberarsi dalla presa, ha aperto la porta lato guida ed è uscito dal mezzo.

Quando i Carabinieri sono arrivati, hanno trovato il 21enne al posto di guida. Il giovane stava cercando di far partire il mezzo, rimasto fermo grazie al sistema di blocco che non consente la partenza agli autobus con le porte aperte.

Non contento, il romano ha tentato anche di aggredire i Carabinieri ma è stato definitivamente bloccato. Arrestato è stato trattenuto in caserma in attesa del processo direttissimo.

Da Roma Today






Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News






Commenti

Anonimo ha detto…
Se come autista ci fosse stato uno che conoscevo di vista, al deposito Vittoria, tanti anni fa, alto due metri e forzuto come Hulk, non credo il 21enne avrebbe avuto partita facile. Ma poi mi chiedo: ma i notturni non hanno in servizio i nuovi bus Citelis ed Urbanway con cabina antiaggressione? E perchè non dotano i conducenti almeno di uno spray al peperoncino, che è ormai diventato legale per difesa personale? E i controllori sui notturni dove stanno? A Parigi li ho visti passare di sera ed in zone poco raccomandabili...ma erano tre energumeni alti due metri, certamente non ragazzotte anoressiche con la gomma in bocca, come quelle ataccare...